Superato il muro delle 2800 view

Superato il muro delle 2800 views

Era solo il 30 aprile 2015, quando avevo annunciato il superamento del post numero 100 e del muro delle 2400 views. Proprio in questi giorni ¬†stato abbattuto un altro muro ed un altro record: 2800 views superate per un totale di 400 views in poco meno di 1 mese ūüôā

2800

 

Un altro record è stato quello di postare un articolo al giorno :-). Un grande risultato

Un ringraziamento a tutti i miei lettori

carpenters

 

 

Advertisements

Asset Manager con JIRA – 2

Proseguiamo la configurazione

Proseguiamo quanto iniziato in questo POST e proseguiamo andando a configurare il progetto TAG e iniziando a configurare JIRA Service Desk.

 

Creiamo i nostri asset

Una volta configurato il nostro progetto TAG, iniziamo a creare le issue degli asset. Utilizzando la Agile Board Kanban, possiamo eseguire questa operazione molto semplicemente.

TAG-02-01

In questo esempio ho inserito alcuni asset, tra i quali una mia desiderata: Quello di comprare un server virtuale linux :-P. Questo è il risultato. Per piccole e medie imprese, professionisti o ditte individuali, questo sistema è sicuramente il migliore.

Già così, questa configurazione risulta sufficiente per poter gestire un Asset. La Board ci consente di poter lavorare senza doverci complicare la vita. Su piccole realtà, ci potremmo fermare a questo.

Un qualsiasi generatore di QR Code, la stampa di alcune etichette, ed il gioco è fatto.

TAG-02-02

L’immagine sopra riportata, corrisponde al QR Code del codice¬†TAG-1. ¬†Possiamo, come hanno realizzato in Atlassian, impostare un QR-Code in modo che riporti l’indirizzo esatto per accedere alla ISSUE TAG; possiamo inserire una URL che vogliamo. Lasciate che la Vostra fantasia faccia il suo corso ūüôā

Su realt√† gi√† un p√≤ pi√Ļ grandi, l’uso di JIRA Service Desk ci pu√≤ aiutare nella gestione delle richieste e della gestione. Infatti, sfrutteremo le funzionalit√† di gestione delle richieste per poter aiutare, chi gestisce gli Asset. Vediamo come

JIRA Service Desk

Andiamo subito al dunque. Configuriamo subito un Service Desk. Come già indicato nei seguenti posts, procediamo di conseguenza. Creiamo il nuovo progetto di gestione.

TAG-02-03

Una volta creato il nuovo progetto, procediamo con la configurazione.

TAG-02-04

Iniziamo con il creare un ISSUE TYPE che comprenda quelli utilizzati dal progetto TAG. Quindi, configurare le richieste.

TAG-02-05

A questo punto, possiamo creare la richiesta, associando anche il TAG-XXX presente nel nostro device.Vediamo i vari passi.

TAG-02-06

Selezioniamo SUPPORT-2, per il passo successivo:

TAG-02-07

Selezioniamo la funzione LINK, per associare il nostro TAG-XXX

TAG-02-08

In fase di LINK, selezioniamo che il nostro SUPPORT-2 è bloccato dalle operazioni che si eseguono su tale link. La prima cosa che esegue chi si occupa del supporto, è di modificare lo stato del nostro TAG-5.

TAG-02-09

Quando le operazioni sono terminate, il TAG-5 sarà opportunamente dismesso, rimesso in magazzino, riassegnato, etc etc.

Conclusioni

Abbiamo visto, in questo post, come possiamo gestire il nostro Asset e come possiamo, attraverso JIRA Service Desk, gestire le richieste per supporto/manutenzione dei vari ASSET.

Gestiamo un progetto con i prodotti della Atlassian

Gestiamo un progetto

Vedremo in questo post, come possiamo utilizzare gli strumenti Atlassian per gestire un progetto, non necessariamente IT, e come impostare le varie informazioni di corredo.

 

Di cosa abbiamo bisogno

Le componenti principali sono:

  • Confluence
  • JIRA

Ulteriori addon potranno essere utilizzati per raffinare il risultato e migliorare la produttività.

Confluence sar√† utilizzato prevalentemente per creare la documentazione del progetto, dove andremo ad indicare tutti i requisiti, documenti del progetto, annotazioni, verbali di riunioni, grafici. In una sola parola TUTTO¬† :-D. L’uso della macro Roadmap √® sicuramente utile per aiutare lo sviluppo e pianificarlo al meglio.

Altre caratteristiche, quali i Template per generare le pagine per i verbali delle riunioni, requisiti, informazioni etc, sono altrettanto utili e valide per impostare tutte le informazioni di corredo al progetto.

 

Confluence ci mette a disposizione una serie di template pronti all’uso. Quelli relativi alla registrazione dei verbali di riunione sono uno di questi.

 

JIRA sar√† invece utilizzato per la gestione vera e propria dello stesso. In particolare, possiamo andare a gestire il progetto oppure, nella eventualit√† che il progetto sia abbastanza vasto, abbiamo la possibilit√† di poter gestire pi√Ļ progetti o di scomporre un progetto in¬†componenti, di pi√Ļ facile gestione.

Qui possiamo scegliere la tipologia di progetto di cui abbiamo bisogno, quali caratteristiche deve possedere, come deve essere organizzato.

 

Abbiamo la massima libertà di scelta ed organizzazione. Qualora disponiamo anche degli addon AGILE, possiamo anche creare le varianti AGILE SCRUM e KANBAN.

Possiamo creare i vari task, che compongono il progetto, ed assegnarli alle persone dedicate alla realizzazione

definendo anche la tipologia delle issue in base a quanto serve ai nostri obbiettivi.

 Conclusioni

Concludiamo questa prima parte qui. Nei prossimi post andremo pi√Ļ nel dettaglio e vedremo come configurare il tutto.

 

JIRA on Map – Prova su strada

Prova su strada ūüôā

In questo post andremo a fare la prova su strada dell’addon MapIt, descritto in questo post.

Installiamo e proviamo

Procediamo con l’installazione, che come sempre √® semplice e veloce, senza particolari interventi

MAPIT01

 

Basta solo attendere qualche secondo:

MAPIT02

 

Qualora si voglia richiedere la licenza di valutazione, basta fornire le proprie credenziali per accedere al sto myatlassian.com, ed il gioco è fatto.

MAPIT03

 

Al termine di tutte le operazioni, l’installazione √® completata

MAPIT04

 

Selezionando il tasto¬†Get started, si passa alla prima configurazione del progetto. Il tutto viene spiegato in maniera semplice dall’addon stesso e senza particolari problemi:

MAPIT05

Seguiamo i passi e configuriamo un progetto di prova. Supponiamo di crearne uno nuovo: GEO-TASK.

Andiamo quindi a creare i campi custom su cui saranno poi memorizzati i geodati.

MAPIT06

Una volta definiti, andiamo a configurare l’addon, specificando i nuovi campi appena creati:

MAPIT07

Quindi andiamo a settare longitudine e latitudine della sede centrale. Serve all’addon per indicare il centro della mappa.

MAPIT08

In questo esempio ho indicato le coordinate di Piazza Maggiore a Bologna ūüôā

Suggerimento

Quando si aggiunge un nuovo campo custom, o in presenza di altre operazioni quali la modifica di addon, si consiglia sempre di eseguire l’operazione di ¬†re-index:

MAPIT09

Adesso siamo pronti ad usare l’addon. Andiamo sulla dashboard ed aggiungiamo un gadget:

MAPIT10

Andiamo a creare una nuova ISSUE e vediamo i risultati. Possiamo posizionarci sulla mappa e successivamente creare direttamente da li la nosytra ISSUE.

MAPIT11

Inseriamo tutti i parametri

MAPIT12

Possiamo poi andare a filtrare andando ad impostare opportuni filtri sulle ISSUE, come mostrato in figura

MAPIT13

Conclusioni

Abbiamo visto la prova su strada dell’addon. Il risultato √® notevole. Provate ad immaginare una gestione in cui si abbisogna di una georeferenziazione, e che con un semplice click sulla mappa si arrivi a generare la issue. La semplicit√† di utilizzo √® evidente :-).

Asset Manager con JIRA – Una ipotesi di realizzazione

Asset manager in azienda

In questo post iniziamo a vedere come possiamo utilizzare i prodotti della Atlassian¬†per la gestione di un ASSET Manager. Riprendiamo quanto gi√† esposto in questo post¬†e lo estendiamo alla luce di quanto ha riportato la Atlassian nel proprio blog. Da ci√≤, mi sono ispirato per cercare di trovare una versione …. lite, in modo da poterlo usare anche in realt√† un p√≤ pi√Ļ piccole o non tanto grandi :-). Si tratta del primo di una serie di post dedicati all’argomento.

 

Di cosa abbiamo bisogno

Riassumiamo brevemente quanto abbiamo bisogno:

  • JIRA
  • JIRA Service Desk
  • Confluence
  • Gliffy

 

JIRA  РFornisce la struttura base su cui memorizzare le informazioni dei vari strumenti.

JIRA Service Desk¬†– Sar√† utilizzato per gestire il supporto per i vari oggetti dell’asset. Sar√† prevalentemente utilizzato come supporto.

Confluence¬†– Sar√† usato per creare la documentazione di corredo per i vari oggetti dell’asset. In particolare sar√† utile per documentare il tutto.

Gliffy РSarà utilizzato per creare i grafici per descrivere meglio la situazione aziendale.

 

In questo primo post andremo a vedere come configurare la parte JIRA.

 JIRA РAndiamo in dettaglio

Iniziamo ad¬†implementare l’asset manager. Il primo passo √® di creare un progetto su cui andremo a creare gli oggetti. Come?? semplice :-). Le varie Issue saranno gli asset veri e propri. Es. Creeremo una issue per classificare uno specifico notebook, uno specifico server, uno specifico monitor, etc etc etc.

Negli esempi della Atlassian, viene suggerito di chiamare il progetto¬†TAG .¬†Si tratta di un simple tracking project, non ci serve molto di pi√Ļ.

TAG01

Una volta creato il progetto, occorre definire le¬†ISSUE TYPE¬† cui il progetto far√† riferimento. Che cosa significa questo? semplicemente andiamo a definire le issue come se si trattasse dei vari componenti dell’ASSET: computer, tablet, stampanti, monitor, server, etc etc etc etc. Nel nostro esempio abbiamo definito i seguenti tipi:

TAG02

Per fare questo, occorre andare nella sezione di amministrazione del progetto TAG, quindi accedere alla sezione che gestisce gli Issue Type e definire i nuovi tipi di issue, associando loro una icona opportuna:

TAG03

Una volta che gli issue type sono definiti, associarli ad un opportuno insieme (nel nostro caso ASSET Issue Type), che sarà poi associato al progetto TAG (come mostrato in figura).

TAG04

A questo punto, definiamo quali campi andremo a visualizzare nei vari screen, ovvero nelle varie schermate che sono richiamate dalle procedure di JIRA. Ad Esempio, quando creiamo una nuova issue o quando la andiamo a modificare. Andiamo a settare i campi dello screen, come mostrato in figura:

TAG10

Selezionando uno qualsiasi degli screen, possiamo selezionare quali campi vogliamo impostare:

TAG11

Il prossimo passo è quello di definire il Workflow  cui farà riferimento il progetto TAG. Andiamo quindi a creare un nuovo workflow, selezionando un esempio di come potrebbe essere gestito un Asset in maniera molto semplice e rapida. Chiaramente è modificabile per ogni tipo di esigenza, da quella che richiede anche la possibilità di semplificare il workflow, a quella che richiede di complicarlo per gestire delle situazioni particolari.

TAG05

In questo caso, abbiamo i seguenti stati:

  • Richiesta¬† – ¬†L’utente fa richiesta
  • Disponibile¬† – ¬†L’asset √® disponibile
  • Assegnato¬† – ¬†L’asset √® stato assegnato all’utente
  • Supporto ¬†– ¬†L’asset √® sotto supporto per riparazione o manutenzione
  • Dismissione¬† – ¬†L’asset √® obsoleto e deve essere dismesso
  • Dismesso¬† – ¬†L’asset √® stato dismesso e pu√≤ essere rimosso dal magazzino.

Una volta creato il Workflow, lo possiamo associare al progetto, attivandolo e rendendolo operativo. Il tutto molto facilmente :-).

Se abbiamo a disposizione l’addon JIRA AGILE, possiamo anche aggiungere la AGILE KanBan Board, per poter gestire, in modo visuale, la gestione degli stati :-). La seguente immagine fornisce un esempio:

TAG06

 

Qui ho aggiunto solo alcuni esempi, per fornire una idea. Immaginatevelo con i vari asset. Per aziende molto grandi, non è proponibile utilizzare questa soluzione, ma per piccole e medie realtà, questa soluzione è assolutamente valida. In aggiunta, se si fa uso delle Componenti, possiamo anche ottenere delle visualizzazioni dedicate per tipologia di Asset :-). Basta lasciare correre la fantasia.

 

Conclusione

In questo primo post abbiamo visto come configurare il progetto JIRA per poter gestire i dati degli asset. Nel prossimo post andremo ad usarlo e successivamente passeremo a configurare la seconda parte: JIRA Service Desk per gestire eventuali segnalazioni a chi gestisce l’asset in azienda.

JIRA on map – Un addon interessante

Mapit for JIRA

Oggi parliamo di un addon … interesante, che introduce una geolocalizzazione su JIRA ūüôā

 

Andiamo in dettaglio

Questo addon consente di poter utilizzare JIRA per la gestione di progetto, o di situazioni particolari, in cui è necessario avere a disposizione una geolocalizzazione

Questo fa si che JIRA pu√≤ essere utilizzato anche in situazioni NON IT, dove non √® coinvolto lo sviluppo software. Possiamo anche gestire situazioni in cui, oltre a segnalare un problema, abbiamo la necessit√† di indicare … DOVE si trova localizzato il problema. Immaginate una situazione in cui si deve indicare esattamente dove eseguire l’intervento. Magari una situazione in cui si deve indicare che l’intervento deve essere eseguito su di uno degli uffici, negozi ūüôā

Conclusioni

L’addon promette bene. Nel prossimo post andremo a fare una prova su strada per saggiarne le performance.

Tabelle dinamiche su Confluence

Tabelle dinamiche

Vediamo in questo post, un nuovo addon che promette di realizzare delle tabelle dinamiche in maniera molto semplice in Confluence.

Excellentable….

Eseguita l’installazione, su ambiente server (non √® ancora disponibile per il cloud), usando il wizard con cui, oramai la Atlassian ci ha abituati, passiamo subito all’utilizzo ed alla generazione delle nostre prime tabelle.

Creiamo una nuova pagina sul nostro Confluence:

TAB01

Quindi attiviamo la Macro Excellentable:

TAB02

Il risultato √® il seguente ūüôā

TAB03

A questo punto iniziamo a riempire la tabella. Possiamo inserire i dati come se avessimo uno Spreadsheet e sfruttare anche gli automatismi di Confluence.

TAB04

Una volta terminato, possiamo salvare la pagina. Questo √® il risultato ūüôā

TAB05

Che cosa possiamo fare adesso?

Una volta che la tabella è compilata, possiamo eseguire, in maniera semplice, tutte le ricerche che vogliamo

TAB06

Possiamo definire il formato del contenuto delle celle

TAB07

oppure definire delle formule

TAB08

Conclusioni

Abbiamo a disposizione un sistema molto semplice e pratico per generare delle tabelle dati, comprensiva di formule e ricerca. Siamo ancora alla prima release, ma direi che questo addon promette di mettere a disposizione nuove e mirabolanti funzionalit√†. ūüôā